La dieta di MADRE NATURA


Quasi tutti noi mangiamo tre pasti al giorno, ma spesso ci sentiamo stanchi. Perché? Se veramente vogliamo vivere con più energia, chiarezza mentale e armonia, dobbiamo fare una ricerca seria, iniziando dalla tavola. Che cosa ci dà energia e ci sostiene durante il giorno? Che cosa ce la toglie?Siamo in eterna lotta con la bilancia. Abbiamo diviso i cibi in quelli permessi e quelli proibiti e il concetto di calorie ha soppiantato il piacere del gusto, spingendoci a mangiare alimenti altamente trasformati, che turbano l’equilibrio metabolico lasciandoci sempre più grassi e affamati.

 
Finché ci siamo nutriti del cibo donatoci da Madre Natura non abbiamo conosciuto sovrappeso, obesità e molte delle malattie cronico-degenerative che ci affliggono. Per portare nuova vitalità nelle nostre cellule e nella nostre cucine, occorre capire cosa ci fa stare veramente bene, fisicamente, mentalmente e spiritualmente. E il trucco è trovarlo non a scapito del gusto e dell’esplosione di colori. Per questo ci vuole non soltanto chiarezza, ma molta fantasia.
L’alimentazione moderna, a base di zuccheri, farine e oli vegetali raffinati ha compromesso il nostro naturale diritto alla longevità in salute. L’eliminazione progressiva dei buoni grassi ha creato un deficit di vitamine liposolubili, oltre che la difficoltà a saziarci.
Le diete sono la cura meno efficace al problema dilagante di sovrappeso e malattie metaboliche. Più che rimedio sono spesso origine di disturbi del comportamento alimentare e dell’aumento di peso secondario provocato dal rallentamento metabolico che innescano.
La soluzione è semplice e a portata di mano: dimenticare teorie e calcoli di calorie e affidarsi all’istinto naturale, quello che da sempre spinge un bambino a mangiare quando ha fame e smettere quando è sazio. Ridare al cibo il giusto valore, di strumento necessario per preservare vitalità, energia, salute mentale e spirituale oltre che fisica e emozionale.
L'impari lotta contro il grasso:
"Da oggi, dieta!
È una sana decisione che prima o poi abbiamo preso tutti: donne, uomini, adulti, anziani, giovani e persino giovanissimi. Un bel giorno ci siamo imposti con fermezza a noi stessi e abbiamo stabilito che era venuto il momento di smettere di mangiare quello che volevamo quando lo volevamo, di solito con l'urgente obiettivo di perdere peso e con la convinzione di riuscirci in un periodo più o meno breve."
«I pensieri, le azioni e la salute delle persone sono determinati dai cibi che mangiamo»
Paramhansa Yogananda

Debora Rasio, oncologa, è ricercatore all’università La Sapienza e dirigente medico dell’ospedale Sant’Andrea di Roma. Vanta una importante attività di ricerca anche all’estero.


Post popolari in questo blog

Torta di mele integrale senza zuccheri aggiunti

La ciambella che fa bene all'intestino

Alla radice della depressione e del risveglio spirituale