Glucomannano: il segreto della magrezza

Il Glucomannano è un polisaccaride non assimilabile dall’organismo umano ricavato dall’essiccazione, polverizzazione e trattamento delle radici del tubero giapponese Amorphophallus konjac. Ha una notevole capacità di rigonfiarsi in un mezzo liquido ed è utile nell’ambito di regimi dietetici ipocalorici rivolti al controllo del peso poiché favorisce il conseguimento del senso di sazietà.
Utile per diete dimagranti


Questa fibra ha infatti la capacità di attirare molta acqua, aumentando fino a 60-100 volte il proprio volume e dando origine ad una soffice massa gelatinosa. Tale caratteristica conferisce al glucomannano un duplice effetto: da un lato attenua il senso di fame e dall'altro riduce l'assorbimento di grassi e zuccheri, che vengono intrappolati nella massa soffice e viscosa che forma a livello intestinale.
Ciò provoca un effetto di sazietà immediato. Se consumato con regolarità (4 g di glucomannano/giorno), il glucomannano contribuisce a stabilizzare il colesterolo*
(*Nel quadro di una consumazione regolare e di un regime alimentare adeguato)

Grazie a questa sua particolarità oltre alla capacità di aumentare fino a 80-100 volte il suo volume, formando una massa gelatinosa che favorisce il senso di sazietà, favorisce anche la peristalsi: aiuta quindi a mangiare meno e favorisce il regolare transito intestinale. 


Naturalmente per ottenere questi effetti benefici è necessario bere in abbondanza
.

Il glucomannano può essere assunto sotto forma di integratore:

oppure sotto forma di pasta. 
Gli shirataki di konjac hanno un sapore gradevole. Facili da preparare, senza gusto particolare, si impregnano della salsa o della preparazione che li accompagnano

Post popolari in questo blog

Torta di mele integrale senza zuccheri aggiunti

La ciambella che fa bene all'intestino

Alla radice della depressione e del risveglio spirituale