Calendula officinalis: la regina degli stress cutanei

Quando in estate in campagna guardiamo la fioritura dei giardini e gioiamo a vedere la loro ricchezza di colore splendente al sole, ci accorgiamo che la nostra attenzione viene spesso colta dalla lucentezza dei fiori di un colore arancio dorato di una pianta particolare: la Calendula.

Il colore verde delle sue spesse e rigogliose foglie è raggiante, fresco e ricco di vitalità.
Il linguaggio popolare conosce una varietà di nomi, di forme e di colori che indicano la Calendula: garofano di Spagna, il sole dei giardini (dal latino solsequia, che segue il sole), fiori dorati o oro di Maria.
La fioritura dura dalla primavera all'autunno. Nuovi fiori nascono mentre gli altri sfioriscono. E' un ciclo di genesi, morte e rigenerazione.

Nei fiori e nelle parti verdi la pianta presenta carotenoidi, flavonoidi e oli essenziali.
I fiori seguono il sole come il girasole.

Il nome Calendula deriva dalla parola latina "calendae" che significa il primo giorno di ogni mese; probabilmente l'assegnazione di questo nome è attribuibile al fatto che questa pianta comincia a fiorire in primavera e continua per quasi tutto l'anno.
E’ una pianta erbacea perenne che teme il gelo e può raggiungere i 50 cm di altezza; grazie alle sue proprietà è ampiamente coltivata sia per uso ornamentale che alimentare/terapeutico e tuttavia la si può trovare anche allo stato selvatico. E’ caratterizzata da grandi fiori giallo arancio, molto appariscenti che vengono ancora usati dai contadini per sapere il tempo che farà durante il giorno; infatti se al mattino i fiori restano chiusi significa che durante il giorno pioverà.
La pianta è originaria dell'Egitto e cresce spontaneamente in prati e luoghi erbosi, fino ad un'altezza di 600 metri. La sua fioritura avviene da giugno a novembre, come il girasole ed il tarassaco, anche i fiori della calendula hanno un comportamento eliotropico, ossia seguono il movimento del sole da est ad ovest mano a mano che si sposta.

Proprietà
Particolarmente indicata in caso di lesioni cutanee, ustioni, colpi di sole, micosi dei piedi. Le proprietà emollienti, lenitive e cicatrizzanti che la calendula ha nei confronti della pelle sono principalmente dovute alla presenza di flavonoidi.

Le note proprietà cicatrizzanti, lenitive e antisettiche della calendula in un gel fresco: nei fiori e nelle parti verdi la pianta presenta carotenoidi, flavonoidi e oli essenziali.
L’estratto dei fiori di calendula è un valido aiuto nel trattamento di irritazioni, arrossamenti e altri problemi cutanei.




La formulazione in gel la rende una "pomata" semplice e fresca da spalmare soprattutto in estate.
Calendula Gel conferisce alla pelle quella piacevole sensazione di sollievo necessaria dopo la depilazione di parti sensibili e delicate, facilmente arrossabili.


Post popolari in questo blog

Torta di mele integrale senza zuccheri aggiunti

La ciambella che fa bene all'intestino

Alla radice della depressione e del risveglio spirituale