La saggezza del perdono di Dalai Lama

Il perdono per definizione è la cessazione del sentimento di risentimento nei confronti di un'altra persona; è quindi un gesto umanitario con cui, vincendo il rancore, si rinuncia a ogni forma di rivalsa di punizione o di vendetta nei confronti di un offensore.


Ogni volta che il Dalai Lama parla di perdono ama raccontare la storia di un monaco di Lhasa che conobbe prima dell'occupazione cinese del Tibet. "Lopon-la fu incarcerato e torturato dai cinesi. Rimase prigioniero per diciotto anni. Poi, finalmente libero, venne in India. Gli chiesi se avesse mai avuto paura e mi disse: 'Sì, c'era una cosa di cui avevo paura. Avevo paura di perdere la compassione verso i cinesi'." In un mondo dove l'ansia e l'egoismo sembrano essere dominanti, il leader del buddhismo tibetano ci invita a riscoprire "la saggezza del perdono" e l'importanza cruciale dell'unico sentimento in grado di combattere rabbia e odio.


Per approfondimenti clicca su questo link ➡


I nemici possono essere i nostri più preziosi maestri e offrirci la possibilità di coltivare qualità come la compassione e l'altruismo, fondamenti della vera felicità e di un'autentica crescita individuale e sociale, e colonne portanti della stessa pratica spirituale del Dalai Lama. Le sue parole ci aiutano a riflettere sui grandi temi del buddhismo alla luce degli avvenimenti a noi contemporanei, offrendoci l'eccezionale ritratto pubblico e privato di una personalità straordinaria e di un uomo dall'incrollabile fede nell'amore tra gli uomini. 

Imparare da coloro che ci fanno del male, non deve renderci rancorosi o vendicativi ma deve insegnarci qualcosa. Come ogni esperienza vissuta, anche il dispiacere, la tortura deve servire a nutrire l'anima e non a distruggerla.

Per approfondimenti clicca su questo link ➡

Post popolari in questo blog

Torta di mele integrale senza zuccheri aggiunti

La ciambella che fa bene all'intestino

Alla radice della depressione e del risveglio spirituale