Le emozioni e i disturbi gastrointestinali

E' abbastanza difficile per la medicina Occidentale pensare che la relazione tra il corpo, prettamente meccanico, e la mente, solitamente emozionale, possano coesistere e generale squilibri fisici. 




E' molto semplice spiegare come una malattia o un disturbo si manifesti dal punto di vista chimico perchè esistono analisi, interventi, strumenti di ingegneria medica che possono spiegarci i meccanismi, ma non esiste nessuno strumento che possa rilevare come, le emozioni che viviamo, influenzano la salute.


Solo osservando l'essere umano nella sua globalità, di essere vivente e non solo di macchina, ci permette di spiegare perchè alcuni disturbi emozionali diventano psicosomatici e perchè alcuni di essi possano addirittura sviluppare delle patologie.


Occupiamoci, per esempio, dell'apparato digestivo.



I problemi del sistema digestivo ci parlano della difficoltà ad inghiottire, digerire, assimilare ciò che avviene nella vita.



 "Non ho potuto mandar giù quello che mi hai detto" 
      "Non ho ancora digerito quello che mi hai fatto"  
             "Questa cosa mi è rimasta sullo stomaco"



Queste sono espressioni popolari calzanti che ci spiegano quanto la psiche possa influenzare lo stato di salute.
Acidità gastrica, ulcere o tumori sono manifestazioni la cui intensità è progressiva ed esprimono la difficoltà a digerire i colpi che la vita ci riserva o le situazioni che non ci soddisfano.


Il modo migliore per prevenire, curare e mantenere questo tipo di problematiche è:


  • effettuare i dovuti esami diagnostici
  • prendere i farmaci necessari 
  • seguire una corretta alimentazione
  • prendere i rimedi naturali adatti 
  • praticare le tecniche di rilassamento (meditazione, yoga, training autogeno)




Post popolari in questo blog

Torta di mele integrale senza zuccheri aggiunti

La ciambella che fa bene all'intestino

Alla radice della depressione e del risveglio spirituale