Cerca nel blog

Traduzione

lunedì 26 settembre 2016

Cerca la pace della tua anima

L'anima cos'è?


Non è definibile in termini materiali ma in senso astratto è sicuramente qualcosa di meraviglioso, immenso e pieno di luce. L'anima è sublime come una musica piena di dolci note che volteggia nel cosmo piena di ogni sua intensità. L'anima esprime l'essenza dell'essere, del profondo... Della vita!
Ma questa vita come viene vissuta?

Si dice: 

gli occhi sono lo specchio dall'anima perché attraverso essi si vede la vera essenza di ognuno.


La vita reale, materiale porta a costruire delle barriere, degli scudi, irrigidisce, blocca, rende ostili e non permette di esprimere quello che invece trasmettono gli occhi...
Quegli occhi parlano perché anche il tuo corpo materiale non può esprimere la tua anima? Perché non permettiamo agli altri di conoscere l'anima interiore?

Semplicemente perché non siamo in pace. La vita viene vissuta pensando alla vita materiale, ai rancori, alle ingiustizie subite e si perde cosi la purezza intrinseca e profonda che appartiene alla vera anima, quella che rimane pura nonostante tutto.
Per cui troviamo la pace dell'anima e troveremo la pace di vivere bene in relazione con gli altri.

Ora immaginati in una valle...




C'è un lago, la tua anima si riflette. Prendi i sassolini che sono li vicino e butta nel lago uno ad uno i tuoi pensieri.
I sassolini andranno a fondo, l'acqua si muoverà ma resterà sempre limpida e pulita come la tua anima.

Ora chiudi gli occhi e medita...


domenica 25 settembre 2016

Olio essenziale di Mirra. Elisir di bellezza


Mirra
Commiphora myrrha


Mirra

Antichi documenti dimostrano perchè l'olio essenziale di Mirra sia ritenuto così prezioso e addirittura il suo peso sia valutato in oro.
L'olio essenziale di Mirra deriva dalla resina gommosa di un piccolo albero spinoso.
E' stato utilizzato per secoli per i suoi benefici per la salute e come un profumo nel corso della storia.
È stato quindi impiegato per l'imbalsamazione e nelle cerimonie religiose.
Mirra ha potenti proprietà purificanti, soprattutto per bocca e gola.
Rilassa e leviga la pelle, promuove una sana carnagione e dona un aspetto più giovane.

Dona equilibrio all'umore ed esalta il benessere.

USI

• Aggiungi 1-2 gocce al dentifricio per una pulizia più profonda.
• Diffondi per promuovere la consapevolezza e sollevare il tuo umore.
• Aggiungi alla tua lozione o crema idratante per contribuire a ridurre l'aspetto di linee sottili e rughe.
• Aggiungi 1-2 gocce in acqua con un po' di agave o miele per contribuire ad alleviare il mal di stomaco.

ISTRUZIONI PER L'USO

Diffusione: utilizzare tre o quattro gocce nel diffusore.
Uso interno: diluire una goccia in acqua o liquido
Uso topico: Applicare una o due gocce di area desiderata.
Se necessario diluire con olio di cocco frazionato per ridurre al minimo qualsiasi sensibilità della pelle.



Bottazzi Alessandra 339 748 1347  

il sito Essenzialmente.net  

Le proteine: come inserirle bene nell'alimentazione con una gustosa ricetta

Le proteine ​​o protidi sono grandi biomolecole o macromolecole, costituite da catene di aminoacidi legati uno all'altro da un legame peptidico (ovvero un legame tra il gruppo amminico di un amminoacido e il gruppo carbossilico dell'altro amminoacido). S​volgono una vasta gamma di funzioni all'interno degli organismi viventi, compresa la catalisi delle reazioni metaboliche, la replicazione del DNA, la risposta agli stimoli e il trasporto di molecole da un luogo ad un altro.

Le proteine ​​hanno un ruolo fondamentale internamente alla cellula, svolgendo i compiti specifici codificate nelle informazioni contenute nei geni. Esse possono svolgere funzione strutturale, immunitaria, trasporto (di ossigeno, minerali, lipidi, di membrana), di identificazione dell'identità genetica, ormonale, enzimatica, contrattile, energetica.

Non sono utili solo per gli sportivi e quindi vanno integrati bene nella quotidiana alimentazione di tutti.
Spesso i legumi sono poco apprezzati dai giovani e quindi, trovare modi alternativi per cucinarli potrebbe essere un'ottima variante.
 
Prepariamo una golosa crema di ceci. Un modo diverso di mangiare i legumi, cosi' preziosi per la buona  quantità di proteine. I ceci, come tutti gli altri legumi, hanno delle proprietà nutrizionali importanti ed è per questo che vanno introdotti spesso nella nostra dieta. Trovare un modo diverso di gustarli può essere un modo per mangiarli più spesso, quindi ingegnamoci un po'.


INGREDIENTI:

200g di ceci lessati
olio extra vergine di oliva
6 dl di brodo vegetale
crostini di pane (senza glutine per gli intolleranti)
sale
pepe 
rosmarino

PROCEDIMENTO:

Frullare a immersione i ceci con il brodo. Versare la crema in un tegame e portare a bollore e aggiungere il sale. Servire la crema nei piatti con i crostini, aggiungere il pepe, il rosmarino e un filo di olio.

Un buon piatto caldo invernale ma buono freddo anche l'estate.

Buon appetito!

Meditazione guidata. La spiaggia. Fatti cullare dall'immaginazione e dai suoni dolci


LA SPIAGGIA





Siediti in una posizione comoda, entrambi i piedi che poggiano sul pavimento e le mani sulle gambe. Fai un respiro profondo e rilassati.
Chiudi gli occhi  e immagina di camminare su una bellissima spiaggia. Sei al sicuro e non sarai disturbato da nessuno. Guardati intorno. Mentre cammini. Che cosa vedi? Osserva i colori. Guarda verso il mare fino in fondo all’orizzonte. Il mare è calmo o agitato? Ci sono barche? O uccelli? C’è il sole o è nuvoloso?
Ascolta il suono delle onde. Ascolta il suono dei tuoi passi sulla sabbia o sui sassolini. Che altri suoni ci sono? Senti dei gabbiani?
Senti l’aria che ti accarezza la pelle. Inspirala. Di che cosa odora? Che gusto ha? Ascolta il movimento del corpo mentre cammini. Percepisci la spiaggia sotto i piedi.
Ora va sulla battigia e bagnati la mano con l’acqua. Che sensazione di dà? Toccati il volto con la mano bagnata: è fredda? Senti il profumo del mare e il sapore della salsedine sulle labbra?
Forse hai voglia di toglierti le scarpe e i calzini e di sguazzare nell’acqua. O forse di spogliarti per fare una nuotata. O di sederti un attimo ad osservare il mare. O di continuare a camminare sulla spiaggia. Scegli tu. Qualsiasi cosa tu faccia, sii cosciente di quello che vedi, senti e percepisci intorno a te. Goditi la fortuna di essere da solo/sola in questo posto bellissimo.
Ora preparati a partire, sapendo che potrai ritornare ogni volta che lo vorrai. Quando sei pronto, respira a fondo e, con un senso di contentezza, ritorna nella stanza.




Fai la tua meditazione ascoltando le dolci note di questa bellissima musica


Buon rilassamento!


LIBRI CONSIGLIATI: Tutti i libri di Meditazione 


 

giovedì 22 settembre 2016

Le nocciole proteggono il tuo sistema cardiovascolare

Studi scientifici dimostrano che le nocciole migliorano i livelli dei fattori di rischio cardiovascolare, anche se tostate e lievemente salate.



Benché i benefici associati al consumo moderato ma costante di frutta secca con guscio siano ormai ben noti, l’utilizzo di questa categoria di alimenti resta tendenzialmente limitato a particolari periodi dell’anno e a specifiche occasioni. Allo scopo di verificare gli effetti salutistici di una tipologia di prodotto potenzialmente più gradito ai consumatori, gli Autori di questo studio hanno preparato specificamente per la ricerca, partendo dal prodotto fresco, nocciole tostate, portandole per 15 minuti a 100°C dopo immersione per 30 secondi in una soluzione di 5 parti di acqua e una parte di sale iodato. A due gruppi di soggetti sani (uomini e donne) sono state quindi somministrate per 28 giorni nocciole al naturale o nocciole tostate e leggermente salate alla dose di 30 g/die (la quantità media indicata dalle linee-guida nutrizionali internazionali).
Al termine dei 28 giorni si è osservato in entrambi i gruppi un aumento sia dei livelli plasmatici di apolipoproteina A1 e sia della colesterolemia HDL (anche se meno significativo nel gruppo che aveva consumato le nocciole tostate) assieme ad una riduzione della pressione sistolica. 


Nel complesso, quindi, sia le nocciole fresche, sia quelle tostate e lievemente salate hanno mostrato la stessa capacità di influire positivamente sui parametri di rischio cardiovascolare. La quantità piuttosto elevata di sodio presente nel prodotto lavorato, pari a circa 40 mg per porzione, suggerisce comunque di alternare il consumo delle due tipologie di prodotto (fresco e tostato/salato).


Fonte: nutrition-fondation



LETTURE CONSIGLIATE: Tutti i libri di Meditazione

Crema viso nutriente fai da te

Nella routine quotidiana la crema viso è un prodotto che solitamente non manca. 




In commercio ne esistono diverse e tutte funzionali a seconda delle esigenze. Spesso, come accade per i prodotti alimentari, anche nei prodotti cosmetici si nascondono ingredienti insidiosi, per questo motivo il fai da te, oltre che una passione, per tanti è diventato un modo per prendersi cura di sè in modo naturale.

La crema che vi propongo in questo caso è semplicissima, poco costruita ed elaborata come altre, ma facile da preparare.
Gli ingredienti che la compongono sono degli attivi naturali di altissimo pregio e garantiscono una resa nutriente di massimo livello.

Vediamo quali sono.

INGREDIENTI:

  • 25 ml di gel aloe*
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • 5 gocce di lavanda


*- il gel d'aloe può essere preso direttamente dalla pianta (in questo caso la preparazione andrà tenuta in frigo per massimo 10-15 giorni)
- il gel d'aloe può essere acquistato già confezionato (in questo caso essendo un prodotto conservato può essere utilizzato senza cautele particolari)

  
PROCEDIMENTO:

Scegliere il contenitore della crema (meglio se di vetro scuro). Mettere le gocce di olio essenziale nell'olio extra vergine di oliva e girare bene. Misurare il gel d'aloe e metterlo nel contenitore, aggiugere ora l'olio preparato, mescolare e amalgamare bene gli elementi. Chiudere bene la crema e applicarla secondo abitudine.



Olio di sesamo: un ingrediente salutare in una ricetta coreana


La cucina orientale è entrata da un po' di anni nelle nostre case, cosi' tradizioni e sapori culinari dell'Est si mescolano con la più tradizionale delle cucine, quella occidentale.


L'ingrediente principale di questa ricetta è l'olio di sesamo. In Italia non siamo abituati ad usare oli diversi da quello di oliva ma in altri paesi si usano diverse varietà. L'olio di sesamo in particolare, estratto dai suoi semi, è molto usato in Oriente ed ha delle importanti proprietà, infatti, è ricco di vitamine (A, B1, B2, B3, E), OMEGA 3 E 6 , FERRO e SALI MINERALI tra cui calcio, fosforo, zinco, magnesio e rame.

I suoi effetti sono molteplici perchè:

  • regola la pressione sanguigna
  • regola l'intestino pigro
  • rinforza il sistema immunitario
  • agisce come antiossidante
 
Vediamo ora come usarlo in cucina.

 

Oggi prepariamo un riso semplice, con pochi ingredienti, ma nutriente e dietetico.


INGREDIENTI:

  • Riso bianco o integrale 
  • Alghe (*nori già grigliate con olio di sesamo, di vinaccioli e di mais, sale)  
  • Olio di sesamo 
  • Uova

*Se al supermercato non riuscite a trovare le alghe già grigliate, potete farle sulla piastra a casa con il sale e l'olio di oliva e mais. La resa sarà diversa ma comunque buona.
Le quantità sono indicative in base al vostro gusto.




PROCEDIMENTO:

Cucinare il riso in acqua salata.
Cuocere l'uovo sul tegame con un po' d'olio.
Quando è tutto pronto aggiungere al riso, l'uovo e le alghe (tagliati in pezzi piccoli) e condire con l'olio di sesamo.
Questo olio, rispetto a quello d'oliva, ha un sapore e un odore aromatico particolare, tale da rendere questo riso, apparentemente semplice, davvero buono. 


Armonizzare i chakra


Cosa sono i chakra?

Il nome deriva dalla parola sanscrita cakra che vuol dire “ruota” o “disco”  e questo per la loro forma circolare.
Per definizione il chakra è un punto di unione tra la parte fisica del corpo e la coscienza. Sono 7 e situati in corrispondenza dei principali organi vitali.



Quando iniziano a non funzionare bene per un lungo periodo potrebbero portare a conseguenze molto gravi.

Quando il corpo è in equilibrio e in armonia sarà anche in salute e potrai godere di tanta energia vitale.
Al contrario, quando c’è uno scompenso e una mancanza di equilibrio il tuo corpo dovrà lavorare il doppio per riportare la situazione in una condizione di normalità.
Questo si traduce in un dispendio notevole di energie a discapito della tua forza e vitalità.

La meditazione aiuta a riarmonizzare i chakra. 
Quali sono le caratteristiche importanti per meditare?

  • Il primo passo da compiere per equilibrare ognuno dei sette chakra è quello di portare l’attenzione sulla parte del corpo corrispondente in modo tale da convogliare la nostra consapevolezza su quel determinato punto.

  • Il secondo passo consiste nel visualizzare il colore specifico per ognuno dei sette chakra così da “attivare” la frequenza corrispondente di quel determinato punto energetico

  • Infine bisogna pronunciare un determinato suono chiamato “mantra” che serve per far vibrare il chakra nella sua corretta frequenza.

Ora ascolta qui e riarmonizza i tuoi chakra!


Il nome deriva dalla parola sanscrita cakra che vuol dire “ruota” o “disco”  e questo per la loro forma circolare.
Per definizione il chakra è un punto di unione tra la fisiologia (il nostro corpo fisico) e la coscienza e sono situati in corrispondenza dei principali organi vitali.
Ci sono molteplici motivi per cui un chakra comincia a congestionarsi e girare più lentamente e uno dei più comuni è un “conflitto interiore” .
Se per esempio hai subito degli abusi sessuali, oppure per qualche restrizione culturale o religiosa vivi il “sesso” in maniera conflittuale il secondo chakra, che è legato a tutto l’apparato genitale (elemento acqua), molto probabilmente sarà congestionato e nel lungo periodo potrebbe portare a conseguenza molto gravi.
- See more at: http://www.magnifikamente.com/come-equilibrare-chakra-in-3-minuti/#sthash.jYF7Ouft.dpuf
Il nome deriva dalla parola sanscrita cakra che vuol dire “ruota” o “disco”  e questo per la loro forma circolare.
Per definizione il chakra è un punto di unione tra la fisiologia (il nostro corpo fisico) e la coscienza e sono situati in corrispondenza dei principali organi vitali.
Ci sono molteplici motivi per cui un chakra comincia a congestionarsi e girare più lentamente e uno dei più comuni è un “conflitto interiore” .
Se per esempio hai subito degli abusi sessuali, oppure per qualche restrizione culturale o religiosa vivi il “sesso” in maniera conflittuale il secondo chakra, che è legato a tutto l’apparato genitale (elemento acqua), molto probabilmente sarà congestionato e nel lungo periodo potrebbe portare a conseguenza molto gravi.
Quindi…
E’ importante equilibrare i chakra?
Come avrai capito la risposta è ovviamente: SI!!!
Quando il corpo è in equilibrio e in armonia sarà anche in salute e potrai godere di tanta energia vitale.
Al contrario, quando c’è uno scompenso e una mancanza di equilibrio il tuo corpo dovrà fare i “salti mortali” per riportare la situazione in una condizione di normalità.
Questo si traduce in un dispendio notevole di energie a discapito della tua forza e vitalità.
Quali sono i principi della “Meditazione dei 3 minuti”?
1. ATTENZIONE/CONSAPEVOLEZZA
Il primo passo da compiere per equilibrare ognuno dei sette chakra è quello di portare l’attenzione sulla parte del corpo corrispondente in modo tale da convogliare la nostra consapevolezza su quel determinato punto.
2. VISUALIZZAZIONE
Il secondo passo consiste nel visualizzare il colore specifico per ognuno dei sette chakra così da “attivare” la frequenza corrispondente di quel determinato punto energetico
3. IL MANTRA
Infine bisogna pronunciare un determinato suono chiamato “mantra” che serve per far vibrare il chakra nella sua corretta frequenza.

Ecco il corretto procedimento della “Meditazione dei 3 minuti”
Primo chakra
1Siediti comodamente con la colonna eretta, porta l’attenzione alla zona del perineo (tra l’ano e gli organi genitali) e visualizza il colore ROSSO.
Quando ti sentirai concentrato sulla base della colonna pronuncia il mantra: “Lammmmm
Secondo chakra
2Ora porta l’attenzione al secondo chakra situato all’altezza della zona genitale.
Visualizza il colore ARANCIONE e quando ti sentirai a tuo agio  pronuncia il mantra “Vammmmm”.
Terzo chakra
3Passiamo al terzo chakra ovvero quello del plesso solare.
Il suo colore è il GIALLO e si deve pronunciare il mantra “Rammmmm”.

Quarto chakra
4Soffermati per un attimo e lascia andare le tensioni del tuo corpo fisico perché ora passeremo ai chakra legati alle “emozioni superiori”.
Porta l’attenzione al centro del petto e concentrati sul punto energetico del cuore che è il chakra legato all’amore, la compassione, la pace e l’armonia.
Visualizza il colore VERDE e pronuncia il mantra  “Yammmmm”.
Quinto chakra
5Passiamo al quinto punto di energia che è quello della gola.
Il suo colore è l’AZZURRO e il suo mantra è “Hammmmm”.

Sesto chakra
6Ora porta l’attenzione al centro della fronte.
Qui risiede l’Ajna conosciuto anche come  “il terzo occhio”.
Questo è il chakra dell’intuizione, il suo colore è l’INDACO e il suo è il classico mantra che sicuramente avrai sentito e serve per aumentare la coscienza superiore ovvero  “Ommmmm
Settimo chakra
7Siamo arrivati al settimo ed ultimo chakra quello della corona.
Situato nella sommità del capo è il collegamento con il divino e la nostra spiritualità.
Sono presenti tutti i colori però quelli dominanti sono il VIOLETTO, l’ORO e il BIANCO.
Quindi porta l’attenzione alla sommità del capo, pensa al violetto e rimani in silenzio.
- See more at: http://www.magnifikamente.com/come-equilibrare-chakra-in-3-minuti/#sthash.jYF7Ouft.dpuf
Il nome deriva dalla parola sanscrita cakra che vuol dire “ruota” o “disco”  e questo per la loro forma circolare.
Per definizione il chakra è un punto di unione tra la fisiologia (il nostro corpo fisico) e la coscienza e sono situati in corrispondenza dei principali organi vitali.
Ci sono molteplici motivi per cui un chakra comincia a congestionarsi e girare più lentamente e uno dei più comuni è un “conflitto interiore” .
Se per esempio hai subito degli abusi sessuali, oppure per qualche restrizione culturale o religiosa vivi il “sesso” in maniera conflittuale il secondo chakra, che è legato a tutto l’apparato genitale (elemento acqua), molto probabilmente sarà congestionato e nel lungo periodo potrebbe portare a conseguenza molto gravi.
Quindi…
E’ importante equilibrare i chakra?
Come avrai capito la risposta è ovviamente: SI!!!
Quando il corpo è in equilibrio e in armonia sarà anche in salute e potrai godere di tanta energia vitale.
Al contrario, quando c’è uno scompenso e una mancanza di equilibrio il tuo corpo dovrà fare i “salti mortali” per riportare la situazione in una condizione di normalità.
Questo si traduce in un dispendio notevole di energie a discapito della tua forza e vitalità.
Quali sono i principi della “Meditazione dei 3 minuti”?
1. ATTENZIONE/CONSAPEVOLEZZA
Il primo passo da compiere per equilibrare ognuno dei sette chakra è quello di portare l’attenzione sulla parte del corpo corrispondente in modo tale da convogliare la nostra consapevolezza su quel determinato punto.
2. VISUALIZZAZIONE
Il secondo passo consiste nel visualizzare il colore specifico per ognuno dei sette chakra così da “attivare” la frequenza corrispondente di quel determinato punto energetico
3. IL MANTRA
Infine bisogna pronunciare un determinato suono chiamato “mantra” che serve per far vibrare il chakra nella sua corretta frequenza.

Ecco il corretto procedimento della “Meditazione dei 3 minuti”
Primo chakra
1Siediti comodamente con la colonna eretta, porta l’attenzione alla zona del perineo (tra l’ano e gli organi genitali) e visualizza il colore ROSSO.
Quando ti sentirai concentrato sulla base della colonna pronuncia il mantra: “Lammmmm
Secondo chakra
2Ora porta l’attenzione al secondo chakra situato all’altezza della zona genitale.
Visualizza il colore ARANCIONE e quando ti sentirai a tuo agio  pronuncia il mantra “Vammmmm”.
Terzo chakra
3Passiamo al terzo chakra ovvero quello del plesso solare.
Il suo colore è il GIALLO e si deve pronunciare il mantra “Rammmmm”.

Quarto chakra
4Soffermati per un attimo e lascia andare le tensioni del tuo corpo fisico perché ora passeremo ai chakra legati alle “emozioni superiori”.
Porta l’attenzione al centro del petto e concentrati sul punto energetico del cuore che è il chakra legato all’amore, la compassione, la pace e l’armonia.
Visualizza il colore VERDE e pronuncia il mantra  “Yammmmm”.
Quinto chakra
5Passiamo al quinto punto di energia che è quello della gola.
Il suo colore è l’AZZURRO e il suo mantra è “Hammmmm”.

Sesto chakra
6Ora porta l’attenzione al centro della fronte.
Qui risiede l’Ajna conosciuto anche come  “il terzo occhio”.
Questo è il chakra dell’intuizione, il suo colore è l’INDACO e il suo è il classico mantra che sicuramente avrai sentito e serve per aumentare la coscienza superiore ovvero  “Ommmmm
Settimo chakra
7Siamo arrivati al settimo ed ultimo chakra quello della corona.
Situato nella sommità del capo è il collegamento con il divino e la nostra spiritualità.
Sono presenti tutti i colori però quelli dominanti sono il VIOLETTO, l’ORO e il BIANCO.
Quindi porta l’attenzione alla sommità del capo, pensa al violetto e rimani in silenzio.
Tutti i libri di Meditazione
LETTURE CONSIGLIATE: Tutti i libri di Meditazione