Post

Soffri di infiammazioni costanti? Allora questo alimento non può mancare sulla tua tavola

Immagine
Proprietà antinfiammatorie del cioccolato fondente
Il cioccolato fondente contiene una quantità di flavonoidi superiore ad altri cibi, come la frutta, la verdura, il vino rosso ed il tè nero. Questi composti stanno generando grande interesse per le loro proprietà antiossidanti e di prevenzione cardiovascolare. Secondo studi già citati, il consumo di cioccolato fondente riduce significativamente i valori pressori e la sensibilità insulinica nel paziente iperteso e intollerante al glucosio. Altre ricerche in vitro hanno dimostrato inoltre come i flavanoli del cacao possano migliorare la funzionalità endoteliale dei vasi e modulare favorevolmente i livelli di citochine ed eicosanoidi coinvolti nei processi infiammatori. 

In questo studio epidemiologico, condotto su uomini e donne arruolati nel “The Moli-sani Project” è stata valutata l’associazione tra consumo di cioccolato fondente ed i livelli ematici di proteina C reattiva (PCR), un marker dell’infiammazione che secondo molti studi corr…

Prevenzione cancro alla mammella. Uno studio scientifico importante

Immagine
Indice e carico glicemico della dieta e rischio di tumore alla mammella


La qualità dei carboidrati della dieta può condizionare anche il rischio di alcuni tipi di tumore (come il cancro alla mammella); alcune ricerche hanno infatti evidenziato differenze nella resistenza insulinica e nell’insulinemia in donne affette da questo tipo di tumore rispetto a donne sane. L’elaborazione dei dati ottenuti nell’ambito dello studio EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition), condotto su un campione di 334.849 donne di età compresa tra 34 e 66 anni al momento del reclutamento, ha permesso di raccogliere informazioni sulla composizione quantitativa e qualitativa della dieta, definendone l’indice glicemico e il carico glicemico complessivo, e di correlarlo con l’incidenza di cancro della mammella negli anni successivi. Al termine di un follow up medio di 11,5 anni, durante il quale sono stati diagnosticati 11.576 casi di carcinoma mammario, non sono state rilevate correlazioni…

Un consumo moderato può avere effetti benefici. Così afferma uno studio scientifico

Immagine
I polifenoli della birra contribuiscono a migliorare gli indicatori di aterosclerosi in maschi ad alto rischio vascolare
L’effetto cardioprotettore del moderato consumo di alcool è noto e dimostrato da tempo. Meno documentate sono le azioni positive attribuibili alla frazione non alcolica delle bevande fermentate, vale a dire i polifenoli contenuti nel vino o nella birra. Questo studio, condotto su un piccolo campione di soggetti, ha valutato le ricadute positive dei polifenoli della birra in un gruppo di uomini ad alto rischio cardiovascolare. Confrontando l’assunzione quotidiana (per 4 settimane) di 660 ml di birra alcolica (pari a 30 g di alcool), di 990 ml di birra analcolica (corrispondenti al medesimo tenore di polifenoli in assenza di alcol) e di 100 ml di gin (equivalenti a 30 g di alcool senza polifenoli) si sono potuti rilevare sia gli effetti già noti del moderato consumo di alcool, sia le azioni attribuibili ai soli polifenoli. Al solo alcool sono infatti risultati associat…

La cannella può controllare i fattori di rischio legati all'obesità

Immagine
Proprietà antiossidanti degli estratti di cannella
Sono già stati descritti i benefici di una dieta ricca di composti antiossidanti nelle condizioni patologiche associate ad un’aumentata produzione di radicali liberi, come il sovrappeso, l’obesità e l’insulino resistenza. I polifenoli infatti sono in grado di aumentare la sensibilità all’insulina, oltre che di proteggere le membrane cellulari dallo stress ossidativo. 
22 pazienti sovrappeso o obesi (con IMC compreso tra 25 e 45), con alterata glicemia a digiuno hanno assunto ogni giorno capsule contenenti 500 mg di estratto di cannella o placebo, per 12 settimane. Già dopo 6 settimane nel gruppo trattato è stata osservata una riduzione significativa dei livelli plasmatici di malondialdeide (MDA), un indicatore dello stress ossidativo, rispetto al gruppo di controllo. Inoltre nei soggetti supplementati con cannella è stata osservata una correlazione positiva tra MDA e glicemia a digiuno. 
In conclusione lo studio supporta l’ipotesi che l’…

Notizie utili dalla scienza. Recentissimo studio su osteoporosi e magnesio.

Immagine
Un’alimentazione ad alto contenuto di magnesio si associa al minor rischio di fratture da osteoporosi, soprattutto nelle donne
Il magnesio è un minerale ben rappresentato in gran parte dei cibi cardine della corretta alimentazione e della dieta mediterranea: verdure verdi, frutta secca a guscio, cereali, latte e latticini. La dieta mediterranea, d’altra parte, è stata riconosciuta come uno dei presidi in grado di salvaguardare anche la solidità strutturale dello scheletro; ecco perché questa ricerca focalizza l’attenzione sul ruolo che il magnesio riveste nel sostenere questo effetto positivo. Il 60% del magnesio presente nell’organismo è immagazzinato nelle ossa, anche se il suo ruolo nel modulare il metabolismo di questo tessuto è ancora poco chiaro. È invece ben nota l’associazione tra bassi livelli di magnesio e aumento del rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche, diabete incluso; senza dimenticare che il magnesio è indispensabile per oltre 300 reazioni biochimiche fondam…

Fiori di Bach. Un mix efficace per ansia e momenti difficili della vita

Immagine
Sempre più persone scoprono che i Fiori di Bach possono essere un valido aiuto per superare un momento difficile, per liberarsi da abitudini inutili o dannose, per trovare la propria strada. Ciascun rimedio della floriterapia di Bach è, infatti, accompagnato da una favola che mette in luce, sul piano degli stati d’animo, il contenuto ultimo, l’azione benefica, la parola chiave del rimedio.
Calarsi nella favola per “sperimentare” un nuovo modo di essere, l’essenza dei fiori farà il resto.

Per genitori o educatori che vogliono aiutare i bambini in modo naturale

Immagine
Fiori di Bach per i bambini. Clicca qui


Sempre più persone scoprono che i Fiori di Bach possono essere un valido aiuto per superare un momento difficile, per liberarsi da abitudini inutili o dannose, per trovare la propria strada. Un bambino scontroso che ha difficoltà a fare amicizia a scuola; uno timido ed emotivo che non ha fiducia in se stesso e ha paura di non farcela; uno stanco e «stressato» dagli impegni scolastici ed extrascolastici; un bimbo che si sveglia spesso di notte per un incubo...
In questi e in altri casi viene in aiuto Fiori di Bach per i bambini per consigliare non solo una nuova terapia dei disturbi più comuni nell’infanzia e nell’adolescenza, ma anche per favorire un nuovo approccio di tipo psicologico a quelle condizioni di emotività, di tensione, di incomunicabilità che connotano spesso le fasi della crescita.
Il testo si rivolge ai genitori o agli educatori, ma contiene ampie parti che parlano ai bambini: ciascun rimedio della floriterapia di Bach è, i…